Dolci

Cognomi culinari: Dolci

I cognomi italiani legati ai dolci sono così tanti che si potrebbe riempire un'intera pasticceria. Torta, Pasticcini e Biscotti, qual è il cognome più diffuso?

Terra di pasta, pane, carni e contorni, l'Italia è piena anche di dolci: 733 Dolci per la precisione, con in testa 1262 Miele e 529 Crema. Seguono i cognomi Torta (237) e fra le torte Sacher 21, Montebianco 6, Bavarese 5, Mimosa 3, Millefoglie 1.
A questi si aggiungono 113 Buccellato, 24 Zuccotto, 6 Panforte, 6 Pasticcini, 5 Panettone, e 4 Budino, 3 Pandolce e 2 Pandoro.
Tutto qui? Proviamo a cercare tra i 247 Biscotti. Ecco 251 Ricciarelli, 145 Confortini, 79 Canestrelli, 79 Frittella, 55 Tozzetti, 26 Amaretti, 16 Taralli e 4 Savoiardi.
E che dire dei 233 Gelati, insieme a 207 Cassata e 5 Sorbetto? Oppure di 109 Cornetti, 117 Caramella, 98 Ciambella, 29 Torrone, 5 Mostaccioli, 5 Cannolo, 5 Marzapane, 4 Maritozzi e 2 Cialdoni?
Per fare i dolci occorre quasi sempre lo Zucchero (55), ma esistono anche 43 Zuccherini. oltre a 86 Caramello, 32 Vaniglia e 24 Panna.

Vediamo la provenienza geografica di questi cognomi. In alcuni casi la distribuzione riguarda molte regioni italiane, come per Miele, specie al Sud, Crema, al contrario settentrionale o Frittella, tipico del Centro Italia.
In altri casi la tipizzazione regionale è notevole: dal Piemonte Torta, Caramello e Vaniglia. Dalla Lombardia Confortini, Caramella nonché Cornetti e Gelati, gli ultimi due anche emiliani. Dal Veneto Zuccotto e il trevigiano Pandolce. Dal Friuli Sacher e l'udinese Zabaione. Dall'Emilia-Romagna Amaretti.
Ricca la carta dei dolci in Toscana: Ricciarelli (anche umbro), Canestrelli, Tozzetti e Pasticcini. Dall'Umbria Zuccherini. Dal Lazio il viterbese Ciambella. Dall'Abruzzo Taralli (anche pugliese). Dalla Campania Torrone. Dalla Puglia Biscotti, Panna e il foggiano Zabaione. Dalla Sicilia Zucchero e – ebbene, sì – tanto Buccellato quanto Cassata.

Concludiamo con il significato originario dei nomi o soprannomi che hanno dato origine agli attuali cognomi. Beh, Ricciarelli viene da riccio molto prima che nascessero i biscotti. Torrone deriva probabilmente da una grande torre o da una località così chiamata. Torta va pronunciato con la -o- aperta e dunque il suo significato è storta, ma anche, nell'italiano antico, persona stramba, tormentata, sregolata. Confortini discende dal nome medievale augurale Conforto, assegnato a un figlio molto atteso per ringraziare Dio di averlo concesso e per augurare che fosse di aiuto e sostegno ai genitori.
Particolarmente curiosa l'origine di Gelati, cognome del tutto ingannevole: viene infatti, attraverso un complesso mutamento di vocali e consonanti, da Dielati/Dielaiti, a sua volta da Diolaiuti...