Accessori

Cognomi da indossare: Accessori

Nessun abbigliamento è davvero completo senza i giusti accessori. Cintura, Borsa e Guanti: scegliete il cognome giusto per il vostro stile!

Io non faccio la moda, io sono la moda, diceva Coco Chanel e poche cose hanno contribuito a fare la moda come gli accessori. Ma esistono cognomi italiani legati alle piccole cose che indossiamo ogni giorno e che ci piacciono così tanto? Ovviamente sì, a cominciare da Cappello (1561) per proseguire con Gemelli (499), Anello (409), Borsa (301), Zaino (159), Borsellino (123) e persino Bracciale (106).

Possono mancare gli Occhiali? In Italia ce ne sono 96, presenti quasi tutti in Emilia Romagna. A chiudere la classifica dei primi dieci troviamo Sacca con 95 occorrenze e Cartella con 93, mentre Orecchini (54), Cintura (47) e il romantico Parasole (40) sono più rari, ma comunque distribuiti in piccoli gruppi in molte regioni del nostro Paese.

Se i Guanti sono 29 - 6 sono i Guanto al singolare, occorrenza piuttosto comune anche nella vita di tutti i giorni - Orologio (28), Sciarpa (19), Ventaglio (17), Ombrello (16), Collana (13) sono gli ultimi cognomi sopra la decina. Decisamente meno comuni, infatti, sono Farfallino (7), Portafoglio (6), Scialle (1) e Papillon (1).

Per quanto riguarda la loro distribuzione Cappello è diffuso soprattutto nel nord Italia e in Sicilia, ma è presente un po’ ovunque, Borsa e Gemelli sono lombardi (il secondo con ceppi anche in Emilia Romagna, Calabria e Sicilia), Anello e Borsellino vengono dalla Sicilia così come Sacca e Cintura, mentre Zaino è campano, laziale e abruzzese. Bracciale è tipicamente panitaliano, Cartella è lombardo, calabrese e siciliano, Orecchini è umbro, Guanti, invece, è diffuso soprattutto in Basilicata.

Da dove viene l’origine di questi cognomi? Spesso sono associati ad attività: Cappello (ma anche la sua variazione Cappelli) è quasi sicuramente legato alla parola latina cappellus e che indica il copricapo e il mestiere di chi lo fabbricava, così come il lombardo Borsa potrebbe derivare dai fabbricatori di borse, ma anche da chi svolgeva il mestiere di banchiere (o di usuraio) e Bracciale dalla parola tardo-medievale che indicava il bracciante. Altri cognomi nascerebbero, invece, da un nome proprio come nel caso di Anello dalla contrazione di Aniello.