Guida redazionale allo smaltimento dei rifiuti a Napoli

Chi lo può richiedere

Residenti o domiciliati.La Città di Napoli affida il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani a ASIA Napoli S.p.A. In tutta la città si svolge la raccolta differenziata con due modalità: in alcuni quartieri è attivo il servizio porta a porta, negli altri si effettua la raccolta stradale dagli appositi cassonetti. I quartieri in cui è attiva la raccolta porta a porta sono: I Municipalità (Chiaia, Posillipo, San Ferdinando); II Municipalità (Avvocata, Monte Calvario, Mercato, Pendino, Porto, San Giuseppe); III Municipalità (Stella, San Carlo all'Arena); IV Municipalità (San Lorenzo, Vicaria, Poggioreale, Zona Industriale); V Municipalità (Arenella, Vomero); VI Municipalità (Ponticelli, Barra, San Giovanni a Teduccio); VII Municipalità (Miano, Secondigliano, San Pietro a Patierno); VIII Municipalità (Piscinola, Marianella, Chiaiano, Scampia); IX Municipalità (Soccavo, Pianura); X Municipalità (Bagnoli, Fuorigrotta).Fonte: http://www.asianapoli.it. Numero verde: 800.16.10.10.

Contenitori di colore bianco: CARTA E CARTONCINO

Cosa differenziare: - giornali e riviste, carta da pacchi, imballaggi di carta e cartoncini in genere, sacchetti di carta,- cartoni per bevande con pellicola di plastica e/o alluminio (es. tetrapak), tabulati di fotocopie, quaderni e opuscoli, astucci e fascette in cartoncino,- scatole, scatoloni anche ondulati (appiattiti) così come gli imballaggi di cartoni aperti, piegati e legati devono essere depositati accanto al bidoncino bianco condominiale oppure, se in grande quantità, possono essere portati nei centri di raccolta comunali (isole ecologiche),- cartoncino per alimenti (pasta e riso).Cosa NON differenziare;- cartone e cartoncino sporco: esempi più comuni sono i tovaglioli di carta usati o il cartone delle pizze unto di olio, che vanno introdotti nel contenitore dell’organico là dove si fa la raccolta differenziata porta a porta, altrimenti nel contenitore dell'indifferenziato, sempre ridotti a pezzi.- i piatti, i bicchieri e le posate di carta vanno conferite nell’indifferenziato: solo quelle di plastica ricavata dal mais con il marchio di biodegradabilità possono andare nei rifiuti organici. Meglio perciò utilizzare le stoviglie lavabili.- carta carbone, la carta chimica, la carta termica tipo gli scontrini fiscali e la carta con residui di colla, polistirolo e sacchetti di plastica. Regole generali: ridurre al massimo l’ingombro, ripiegando i giornali, schiacciando le scatole di cartone per ridurne il volume e utilizzando sacchi di carta, non inserire la carta in buste di plastica. Ciò abbassa la qualità del materiale raccolto e aumenta i costi del riciclaggio.

Campane di colore verde: VETRO

Cosa differenziare: - Bottiglie e bottigliette in vetro, senza il tappo; flaconi, barattoli, vasi in vetro, senza il coperchio; bicchieri, anche se rotti.Cosa NON differenziare: - Ci sono dei materiali che sono molto simili al vetro, ma in realtà non lo sono. Il caso più problematico è quello della vetroceramica (pirex), usata per le pirofile da forno. Basta un solo frammento di ceramica o pirex per vanificare il processo di riciclo. - Gli altri materiali da non differenziare nel vetro sono lampadine, neon e specchi che contengono sostanze pericolose per l’ambiente, lastre di vetro o cristalli a piombo che contengono un’elevata quantità di metalli pesanti come il piombo.

Campane stradali o bidoni gialli: IMBALLAGGI IN PLASTICA E METALLI

Cosa Differenziare: - Contenitori di plastica come bottiglie di plastica (acqua minerale, bibite, olio, succhi, latte), flaconi e contenitori (sciroppi, creme, salse, yogurt, detersivi, saponi, cosmetici) vaschette rigide e retine (ad esempio per frutta, dolciumi, affettati, yogurt, pasta fresca, porta uova), contenitori rigidi sagomati (ad es. contenitori di pile, contenitori di articoli da cancelleria, contenitori di prodotti informatici), buste della spesa, pellicola in genere, vaschette e vassoi in polistirolo e imballaggi di piccoli elettrodomestici in polistirolo, ppiatti e bicchieri di plastica mononuso.- Contenitori di metallo come lattine, barattoli, tappi e coperchi metallici, fogli di alluminio, vaschette da forno, tubetti, scatole di acciaio, bombolette spray, caffettiere, pentole e padelle in alluminio o acciaio di piccola dimensione, chiodi, viti, fili di ferro e materiali metallici di piccole dimensioni da manutenzioni domestiche, scatolette in banda stagnata per esempio pelati, carne, tonno, legumi, alimenti per animali.Cosa NON Differenziare: Non possono essere differenziati nei contenitori gialli, oggetti in plastica rigida, gomma e metallo che non siano imballaggi, per esempio: cassette per frutta e verdura giocattoli, grucce per abiti, cassette video, dvd e cd, contenitori per solventi e vernici etichettati T e/o F, molto tossici e infiammabili, apparecchiature elettroniche, i rifiuti ospedalieri per esempio siringhe, contenitori per liquidi fisiologici e per emodialisi, ecc.Dall'analisi sulla qualità della raccolta differenziata, emerge come vengano erroneamente buttati nel multimateriale posate di plastica che vanno raccolti nel rifiuto indifferenziato proprio perché non sono degli imballaggi.

Bidone marrone: RIFIUTO ORGANICO (SCARTI ALIMENTARI)

ASIA mette a disposizione delle famiglie una biopattumiera forata (in plastica riciclata) e una fornitura di buste compostabili. I rifiuti organici, una volta differenziati e lasciati sgocciolare, vanno depositati nella busta compostabile. La busta va buttata nel bidone condominiale con il coperchio di colore marrone.Cosa differenziare: - Scarti di cibo freddi e sgocciolati, crudi o cucinati, bucce, noccioli, verdure, carne, pesce, riso, pasta, pane, biscotti, formaggi, gusci d’uovo, alimenti avariati, fondi di caffè, filtri di tè, camomilla. - Tovagliolini o fazzoletti di carta unti, carta del pane sporca, cartoni di pizza sporchi di olio e tagliati a pezzi. - Foglie e fiori provenienti dalla manutenzione di piante da appartamento, piante, terriccio dei travasi, legno da potatura e segatura, semi, tappi di sughero, cenere di legna, scarti di frutta e verdura.Cosa NON differenziare: - Liquidi in genere e olio vegetale.- Pannolini e assorbenti. - Tessuti naturali e sintetici, mozziconi e cenere di sigaretta. - Scarti di piante malate o infestate, legno verniciato, lettiere per animali. - Gusci dei frutti di mare tipo cozze, vongole, telline, lupini. - Carta dei formaggi e dei salumi.

Isole ecologiche: RACCOLTA RIFIUTI INGOMBRANTI

Esistono tre servizi gratuiti per lo smaltimento degli altri rifiuti urbani:- trasportarli presso i centri di raccolta comunali (isole ecologiche);- portarli ai centri di raccolta itineranti (isole ecologiche mobili);- usufruire del ritiro a piano strada dei rifiuti ingombranti prenotando al numero verde ASIA 800.161010 il prelievo gratuito, oppure prenotando il ritiro dei rifiuti ingombranti on line. L’utente dovrà soltanto portare i rifiuti ingombranti (massimo 3 pezzi) su strada pubblica in un punto concordato. ASIA provvederà a recuperarli.Sono rifiuti ingombranti: Tutte le tipologie di rifiuti che non rientrano nel ciclo di raccolta differenziata stradale. Elettrodomestici (lavatrici, cucine, lavastoviglie, forni a microonde, frigoriferi, congelatori, computer, stampanti, scanner, telefoni cellulari e apparecchi elettronici di ogni genere), mobili (scrivanie, sedie, librerie, letti, reti, materassi, comodini, armadi, poltrone, divani, ecc.) ed altri oggetti voluminosi come biciclette, sci, ecc.

RIFIUTI URBANI PERICOLOSI (RUP)

Utilizzare i contenitori distribuiti nei negozi, nei tabaccai e nelle farmacie convenzionate. Oppure portare i rifiuti nei centri di raccolta comunali (isole ecologiche) dove il personale ASIA li ritirerà gratuitamente.Cosa differenziare: - pile esauste di ogni tipo (stilo, torcia, pastiglia, ecc); - batterie d’auto usate; - farmaci scaduti (che vanno depositati negli appositi contenitori senza la confezioni in cartoncino e il foglietto illustrativo).

Contenitore grigio: INDUMENTI USATI

Gli indumenti usati devono essere depositati in buste ben chiuse nel contenitore di colore grigio, questo semplice gesto di raccolta permetterà il recupero di materia prima altrimenti inutilizzabile.Cosa differenziare: - Abiti, borse, tende, scarpe appaiate, cappelli, coperte, biancheria, maglieria ed altri accessori tessili in buono stato. Cosa NON differenziare: - Pile e farmaci sono rifiuti pericolosi che non vanno buttati nel contenitore, contengono infatti sostanze inquinanti che non devono disperdersi nell’ambiente.