Origine del cognome

Sei curioso di sapere qual è l'origine del tuo cognome? Vorresti scoprire come e quanto è diffuso in Italia? Consulta l'archivio di PagineBianche e cerca tutte le curiosità sul tuo cognome e quello dei tuoi amici.
Origine del cognome pellegrini
Pellegrini fa parte della categoria cognomi italiani, è infatti diffuso in quasi tutta Italia (isole comprese) anche se è più tipico del centro nord-ovest, come in Lombardia, in Toscana e nel Lazio. L'etimologia deriva dal termine latino "Peregrinus" ma il significato e le origini sono da cercare anche nel vocabolo "pellegrino" interpretato come straniero e anche nel significato attuale di pellegrinaggio. In origine il cognome veniva assegnato a chi veniva da un altro paese ma nel 1300 troviamo con questo appellativo una famiglia nobile veronese ai quali componenti in seguito, si diede il titolo di marchesi.

Tommaso da Cangrande della Scala, illustre appartenente alla suddetta famiglia fregiò il proprio stemma con il simbolo della scala, a significare le sue nobili origini.

L'araldica dei cognomi ci porta inoltre nel territorio padano nel quale le famiglie Pellegrini ebbero minor fortuna fermandosi al titolo nobiliare. La storia del nome allude al periodo del Medioevo in particolare all'influenza cristiana di effettuare pellegrinaggi per assicurarsi le indulgenze e purificare la propria anima.

Numerose sono le città che hanno un' origine etimologica molto simile, ad esempio Pellegrina (VR), San Pellegrino di Norcia (PG), ecc. In quel tempo infatti si assegnava alle persone soprannomi o cognomi che si riferivano ai loro luoghi di nascita. Varianti del termine sono anche i cognomi affini: , Pellerino, Pellegrinotti, Pellegrinetti, Pellerini, Pellegrineschi, Pellegrinelli, Pellegrin, ecc.

Visualizza su mappa la distribuzione del cognome pellegrini