Origine del cognome

Sei curioso di sapere qual è l'origine del tuo cognome? Vorresti scoprire come e quanto è diffuso in Italia? Consulta l'archivio di PagineBianche e cerca tutte le curiosità sul tuo cognome e quello dei tuoi amici.
Origine del cognome manzo
Il significato e le origini del cognome Manzo sono alquanto controverse.

Secondo gli studiosi di araldica dei cognomi è dato individuare almeno tre possibili origini di questo cognome. In certi casi si ritiene che il cognome derivi da soprannomi attribuiti, direttamente oppure attraverso variazioni accrescitive o diminutive, ai capostipiti per indicarne il mestiere di allevatore di vitelloni o, comunque, un qualche altro collegamento con i manzi. In altri casi, l'origine del cognome Manzo è strettamente connessa alla storia del nome latino medioevale mansum, che significa rimasto: il cognome, in queste situazioni, si ricollegava allo stato di lavoratore asservito alla terra. In altre ipotesi ancora, si ritiene che l'etimologia del cognome vada ricercata nel nome medioevale Manso, cioè Mansueto oppure nel provenzale Mans e Manz.

Tra i cognomi italiani, Manzo è un cognome prettamente meridionale, specifico della Campania e, in particolare, delle provincie di Caserta, di Napoli e di Salerno. Seguono, a debita distanza, il Lazio, il Piemonte e la Sicilia dove il cognome ha una certa diffusione nel palermitano. Decisamente raro, invece, è il cognome Manzo in Basilicata, in Friuli Venezia Giulia, in Umbria, in Trentino Alto Adige e in Valle D'Aosta. Si segnalano molteplici varianti di questo cognome. Così, Manzoni è tipicamente Lombardo; Manzelli ha ceppi nel Veneto, in Emilia Romagna e tra beneventano e foggiano; Manzetti presenta un piccolo ceppo marchigiano e un ceppo più consistente a Roma e dintorni; Manzi è presente in tutta l'Italia peninsulare; Manzulli è pugliese; Manzon è specifico della provincia di Pordenone; Manzin è diffuso in tutta l'italia settentrionale e in particolare nel triestino; Manzillo ha un ceppo campano e un piccolo ceppo nel leccese; Manzini è molto ricorrente in Lombardia, nel Nord Est ed in Emilia; Manzotti ha ceppi lombardi, nel reggiano, nel marchigiano e nel viterbese. Sono, invece, estremamente rari i cognomi Manzello, Manzetto, Manzilli, Manzotto, Manzullo e Manzino.

Tra i celebri portatori di questo cognome, nelle sue varianti, si ricorda Alessandro Manzoni, autore de I promessi sposi, una pietra miliare della letteratura italiana e il maestro Alberto Manzi, conduttore negli anni '60 della trasmissione televisiva Non è mai troppo tardi.

Visualizza su mappa la distribuzione del cognome manzo

Le località più cercate per il cognome Manzo