Origine del cognome

Sei curioso di sapere qual è l'origine del tuo cognome? Vorresti scoprire come e quanto è diffuso in Italia? Consulta l'archivio di PagineBianche e cerca tutte le curiosità sul tuo cognome e quello dei tuoi amici.
Origine del cognome cavallo
L'origine del cognome italiano Cavallo deriva dal nome comune omonimo, in senso proprio o traslato, o anche attraverso il toponimo Cavallo, Cavalli. Un' altra possibile etimologia è un soprannome già attestato nel 1703 nella località di Farfa. La storia del nome di persona Cavallo ha le sue prime attestazioni a Firenze nel 1260, a Genova (Henricus Caballus) nel 1188, a Siena nel 1202 con Rolandus Cavalli, a Montalcino nel 12012 con Guido Cavallo, a Roma nel 1348-79 con Petrus Caballus albanensis.

Molto diffuso in tutta Italia, il cognome Cavallo deriva da nomi di persona già in uso in epoca medievale, derivati da soprannomi, nomi legati ai mestieri, derivati dal termine cavallo o cavallaro ossia "venditore o commerciante di cavalli; messaggero a cavallo", oppure dal termine cavalière inteso come "colui che cavalca" ma anche come "soldato a cavallo" o appartenente al rango della cavalleria . In alcuni casi può derivare anche da toponimi dello stesso etimo.

Gli studi di araldica dei cognomi e delle dinastie nobiliari descrivono la famiglia Cavallo come originaria di Amantea, iscritta sin dai più antichi tempi al seggio di San Basilio. La famiglia ottenne ereditariamente l'incarico di custodi dei porti e delle coste Calabre, privilegio accordato della regina Giovanna II, in seguito confermato dai re Alfonso e Ferdinando d'Aragona e nel 1502 da Consalvo di Cordova. La dinastia Cavallo vestì l'abito di Malta nel 1595, e fu infeudata a Pietramala. Personaggi di spicco della stirpe furono Giacomo Cavallo, giudice alla gran corte vicaria di Giovanna II, Virgilio Cavallo che combatté e si distinse nella battaglia di Lepanto e Rutilio Cavallo, che fondò il convento dei frati cappuccini ad Amantea.

Cavallo è il 186° cognome italiano per rango, particolarmente diffuso in Piemonte e in Puglia. Forte presenza si registra anche a Roma, Milano, Napoli, Genova, nel Siracusano, nel Ponentino, nel Reggiano e nel Crotonese. Difficile ipotizzare un unico epicentro della forma nonostante il flusso migratorio che ha portato molti pugliesi nel Nord Italia.

Visualizza su mappa la distribuzione del cognome cavallo

Le località più cercate per il cognome Cavallo