Autorizzazione alla Cremazione

Chi lo può richiedere

La Cremazione può essere autorizzata sulla base della volontà testamentaria espressa in tal senso dal defunto: tramite testamento registrato dal notaio o testamento olografo datato e firmato. In mancanza di tale disposizione la volontà del coniuge o dichiarazione dei parenti più prossimi, di pari grado, del defunto o della maggioranza assoluta di essi, in mancanza di disposizione testamentarie individuato secondo gli articoli 74 e seguenti del Codice Civile e, nel caso di concorrenza di più parenti nello stesso grado, da tutti. Se il defunto è iscritto ad una società di cremazione, è sufficiente la presentazione di una dichiarazione o dell'iscrizione, certificata dal rappresentante legale, ad associazioni riconosciute che abbiano tra i propri fini statutari quello della cremazione. La volontà è manifestata dai legali rappresentanti per minori o per persone interdette.

Condizioni per il rilascio

La cremazione deve essere autorizzata dall'ufficiale dello stato civile del Comune di decesso.

Cosa è necessario fare

Si deve presentare: - Atto scritto, che testimoni la volontà di cremazione, con sottoscrizione autenticata;- Certificato redatto dal medico curante o dal medico necroscopico con firma autenticata dal coordinatore sanitario, dal quale risulti escluso il sospetto di morte dovuta a reato (in caso di morte improvvisa o sospetta occorre la presentazione del nulla-osta dell'autorità giudiziaria);- Richiesta di orario e autorizzazione in bollo al trasporto funebre con automezzo di impresa privata; - Copia fotostatica del documento di identità; - Dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà (in caso di mancanza del documento che comprovi la volontà del defunto di essere cremato o comunque per la domanda di affidamento e conservazione delle ceneri di cadavere).

Quanto costa

Per la richiesta, è necessaria: 1 marca da bollo di euro 16,00 da apporre sull'autorizzazione; 1 marca da bollo di euro 16,00 da apporre sulla domanda di autorizzazione al trasporto di cadavere; 1 marca da bollo di euro 16,00 da apporre sulla domanda di autorizzazione alla cremazione. Le tariffe massime di cremazione sono determinate dal Ministero degli Interni. La cremazione è gratuita, ossia a carico del bilancio comunale, solo in caso d'indigenza del defunto. L'iscrizione presso una società di cremazione comporta un costo di iscrizione e una quota associativa annua.

Tempi per il rilascio

Il rilascio di norma avviene solitamente entro il giorno successivo a quello in cui sono consegnati i documenti all'ufficio di stato civile.

Validità

La validità è illimitata.

Trova dove fare questo documento a

cambia località