Origine del cognome

Sei curioso di sapere qual è l'origine del tuo cognome? Vorresti scoprire come e quanto è diffuso in Italia? Consulta l'archivio di PagineBianche e cerca tutte le curiosità sul tuo cognome e quello dei tuoi amici.
Origine del cognome martini
Martini è un cognome diffuso in tutt'Italia, soprattutto in Toscana, Veneto e Lazio. L'etimologia deriva dal latino Mars Martis (Sacro al dio Marte), anche se in alcuni casi potrebbe richiamare il nome proprio Martino, ad esempio di uno dei genitori o di un antenato della stirpe. Il nome era legato alla devozione verso San Martino di Cours, santo del IV secolo noto per aver riparato un mendicante con il suo mantello.
I cognomi italiani varianti di Martini sono Martino, Martin, Martina, Martinat, Martinato, Martinazzi, Martinazzo, Martinasso, Martinangelo, Martiniani, Martinico, Martinig, Martinis, Martiniello.

Nella storia del nome occorre fare riferimento ad una famiglia Martini Di Cino, insediata a Firenze, da cui discesero nove priori, nominati a partire dal 1313. Un ramo dei Martini si trasferì poi in Sicilia sotto re Federico II. Tra i personaggi noti, legati all'origine del cognome, Bartolomeo Martini, chirurgo nel 1707, e Michele Martini, magistrato e patriota. Anche nel centro Italia ci sono testimonianze di persone con questo cognome, ad esempio Angelo Martini, nato a Siena nel 1674 e Alessandro Giovanni Martini nato nel 1572.

L'araldica dei cognomi riporta uno stemma della famiglia con fondo rosso, fascia dorata e tre croci azzurre. Lo stemma, intriso del significato e delle origini del nome, vede la prevalenza del rosso, simbolo di magnanimità.

Visualizza su mappa la distribuzione del cognome martini