Origine del cognome

Sei curioso di sapere qual è l'origine del tuo cognome? Vorresti scoprire come e quanto è diffuso in Italia? Consulta l'archivio di PagineBianche e cerca tutte le curiosità sul tuo cognome e quello dei tuoi amici.
Origine del cognome monti
Il significato e le origini del cognome Monti sono strettamente connessi alla storia del nome Monte. Vale a dire, il cognome Monti deriva da soprannomi che venivano attribuiti ai capostipiti per indicarne una provenienza montanara o comunque un qualche legame con il territorio di montagna. In altri casi, invece, l'origine può collegarsi a uno dei molti toponimi Monte o Monti, diffusi in tutta Italia.

Il cognome è presente in tutte le venti Regioni del Paese e, sul podio, quanto a diffusione sul territorio, si collocano la Lombardia, l'Emilia Romagna e il Lazio. Le varianti del cognome Monti sono davvero numerose, tanto da risultare difficile elencare loro con completezza: Monte con ceppi nel Sud, Montin nel Veneto, Montagna decisamente panitaliano, Montanari e Montanaro tipici rispettivamente del settentrione e del meridione, il raro Montagnolo e il più diffuso Montagnoli con ceppi in Lombardia e nel centro Italia. Anche i cognomi Montano, Montani, Montanino, Montanini, Montana e Monticelli condivido la stessa origine del cognome Monti.

Facendo un salto nel passato, è celebre la figura di Vincenzo Monti che può essere considerato a pieno titolo il rappresentante del Neoclassicismo italiano e la cui produzione letteraria è sconfinata, passando dalla traduzione dell'Iliade al poemetto "La bellezza dell'Universo". Nel '600 Cesare Monti fu prima patriarca di Antiochia, poi arcivescovo di Milano ed, infine, nel 1633 venne nominato cardinale. Santo Monti nella seconda metà dell'800 fu seguace delle idee del Rosmini e dedicò la sua esistenza agli studi in campo storico.

Visualizza su mappa la distribuzione del cognome monti

Le località più cercate per il cognome Monti